Postura scorretta: i primi campanelli dall’allarme

 

conseguenze-di-una-postura-sbagliata

Mantenere una corretta postura del corpo non è soltanto un’atteggiamento estetico, come in molti erroneamente credono. Da una postura scorretta infatti, derivano con il tempo, non solo problemi e fastidi fisici che possono influenzare negativamente la qualità della vita, ma anche inestetismi come la cellulite, il doppio mento e perdita di tonicità del seno ( clicca qui per saperne di più). D’altro canto, c’è da dire che il nostro corpo assume diverse posture, per ogni attività o movimento che compiamo durante la giornata – e sono veramente tantissimi – quindi, come facciamo a capire, se la postura che stiamo assumendo sia corretta o meno?

Postura scorretta, ecco i campanelli d’allarme

Si può affermare d’avere una postura corretta quando tutte le parti del nostro corpo sono allineate: deve essere possibile riuscire a tracciare una linea diritta, che partendo dal lobo dell’orecchio tocchi la spalla, l’anca, il ginocchio e finisca al centro della caviglia. Tale posizione, ci permette di mantenere operative le tre curvature naturali della colonna vertebrale – a livello del collo, a livello toracico e a livello lombare – che hanno la funzione di ammortizzare il  peso, appunto della testa e del torace.

Nel quotidiano però, il nostro corpo compie numerose azioni che, a lungo andare, ci portano ad assumere delle posizioni scorrette come incurvare la schiena, sedersi male, caricare il peso su una sola parte del corpo ecc…Queste azioni, impongono uno sforzo maggiore sia sui muscoli sia sui legamenti, che cercano di tutelare l’equilibrio naturale del nostro corpo e della colonna vertebrale, dando il via alla comparsa di alcuni fastidi fisici.

le-conseguenze-della-postura-scorretta

In genere, i primi campanelli d’allarme, che ci segnalano una postura scorretta sono:

  • La comparsa di dolore nella zona lombare, che indebolisce gli addominali, creando una sorta di concavità nella schiena, che spinge lo stomaco all’esterno.
  • Dolore nella zona della lordosi cervicale, con consecutiva contrazione ed irrigidimento dei muscoli posteriori del collo e allungamento di quelli anteriori, che provocano un’infiammazione delle articolazioni cervicali.
  • Aumento della cifosi dorsale, con la comparsa della cosiddetta “gobba”
  • Dolore nella parte centrale della schiena, comune sopratutto alle persone che trascorrono molto tempo sedute, con le spalle incurvate.
  • Aumento o comparsa della cellulite, in persone che trascorrono la maggior parte del tempo seduta in maniera scorretta.
  • Perdita di tonicità del seno
  • Evidente asimmetria tra una spalla e l’altra.

Per riuscire a correggere un problema bisogna conoscerlo, per questo è consigliabile esaminare la propria postura durante le attività giornaliere, magari annotando in quali situazioni si tende ad assumere una posiziona scorretta, e il perché. Chiedere ad un amico, familiare o collega di aiutarci nell’operazione, magari facendoci notare quando commettiamo degli errori, può essere d’aiuto.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *